Il Neurofeedback Dinamico non Lineare in 5 brevi punti

Il Neurofeedback Dinamico non Lineare NeurOptimal® è una metodologia non invasiva e indolore che permette di ricavare informazioni sull’attività cerebrale di un individuo e consente al cervello, tramite un feedback-ritorno di informazioni su sé stesso, di autoregolare la sua attività ottimizzandola, in modo da produrre cambiamenti e miglioramenti a livello neuro-cognitivo. Questa tecnica d’avanguardia è ampiamente praticata negli Stati Uniti (l’esercito americano la usa per aiutare i reduci da operazioni di guerra a reinserirsi nella vita civile). Sempre più organismi di salute attraverso il mondo ne fanno largo uso (dal 2010 l’ospedale parigino della Pitié Salpêtrière). Un numero sempre crescente di studi scientifici ne conferma la validità e l’efficacia.
01
Su quali principi si basa questa tecnica e in cosa consiste?

La tecnica è fondata sui principi della neuroplasticità e dell’omeostasi dinamica. Il cervello, alla ricerca perpetua delle condizioni ideali di equilibrio, è plastico ed in continua evoluzione. A qualsiasi età e qualunque sia la condizione psicofisica della persona, egli è capace, grazie al supporto del Neurofeedback Dinamico non Lineare, di ritrovare la stabilità e l’efficienza perduta a causa di traumi fisici e psichici. Il Neurofeedback dinamico non Lineare si differenzia in maniera sostanziale dall’EEG biofeedback, o Neurofeedback Lineare, per il fatto che si adatta al funzionamento specifico di ogni singolo cervello (è dinamico), non imponendogli di conformarsi ad una supposta norma corrispondente ad un cervello ideale, ma permettendogli di confrontarsi con sé stesso come davanti ad uno specchio e, rendendosi conto delle incoerenze del suo funzionamento, di correggersi per ottimizzare le sue performances e stabilizzare l’ansia, con notevole beneficio non solo su tutte le sue somatizzazioni, ma anche in campo neurocognitivo.

02
Come si svolge una seduta?

La persona è comodamente distesa su una poltrona reclinabile. Dei sensori applicati sulla teca cranica, che non emettono nessun tipo di frequenza nè di energia, registrano la sua attività cerebrale sotto forma di onde cerebrali ed inviano i dati al computer. Il software in esso contenuto li analizza 256 volte al secondo e, sulla base di un algoritmo specifico basato sui lavori di Dennis Gabor, determina gli eccessi di variabilità interna, tarati non su una supposta norma, ma sul funzionamento specifico di quel cervello. In ogni banda di frequenza delle diverse onde cerebrali si notano così delle variazioni dall’ampiezza più o meno importante. Delle forti variazioni indicano dei cambiamenti importanti nella sincronizzazione di insiemi neuronali, delle incoerenze nel funzionamento del cervello e degli squilibri fra neuroni eccitatori e neuroni inibitori, che hanno il ruolo fondamentale di gestire tutti i parametri vitali (temperatura corporea, pressione arteriosa, battito cardiaco, etc.). Nel millisecondo che segue questa forte variazione il software genera un’interruzione nel flusso continuo della musica melodica che la persona ascolta in cuffia. In effetti il cervello apprezza nella musica la coerenza della trama musicale. Mozart è estremamente coerente e per questo estremamente gradevole per il cervello che, anticipandone la traiettoria musicale, è confortato nelle sue attese di coerenza, cosa che non avviene ovviamente nel caso di un bambino che strimpella note a caso su una tastiera. Le note non sono “brutte” di per sé, ma l’incoerenza del suono prodotto, della sequenza musicale illogica, aleatoria e quindi disarmonica, risulta sgradevole. Allo stesso modo, se il software del Neurofeedback Dinamico non Lineare genera un’interruzione di una frazione di secondo nella musica melodica nel millisecondo che segue una forte variazione nell’attività cerebrale, egli disattende le attese di coerenza del cervello riguardo alla musica che la persona ascolta, nell’esatto momento in cui il suo cervello fa qualcosa di incoerente. Tramite un feedback negativo lo informa in tempo reale sulla sua propria attività ed il gioco è fatto. Di seduta in seduta il cervello recupera in efficienza e plasticità e viene stabilizzata l’ansia, con tutte le sue somatizzazioni. Non si tratta di una musico terapia. La musica è solo un vettore di informazioni, nulla più. Lo stesso effetto lo si potrebbe ottenere spezzettando i fotogrammi di un film o di un video. Ma il canale uditivo è molto più direttamente innestato nel cervello di quello visivo, motivo per cui la musica è più efficace, come vettore per il feedback negativo dell’interruzione, rispetto al video.

03
In quali casi può risultare utile?

Il principale campo di applicazione del Neurofeedback Dinamico non Lineare è la stabilizzazione dell’ansiaattacchi di panico, riduzione della sindrome da stress post traumatico e di tutte le loro somatizzazioni: insonnia, emicranie, fibromialgia, tachicardia, sindrome da fatica cronica, problemi di stomaco ed intestino. Si rivela molto efficace anche come primo intervento in stati depressivi e/o come appoggio alla terapia farmacologica classica. Ultimamente si sono attestati risultati eclatanti nel trattamento degli acufeni o tinnitus, fischi permanenti percepiti, patologia molto diffusa ed in alcuni casi invalidante, in quanto si accompagna di forti stati d’ansia e depressione. L’Associazione Bergamasca Acufeni ne ha fatto il suo trattamento di riferimento. In campo neurocognitivo degli studi ne attestano l’efficacia per il deficit di attenzione negli adolescenti e negli adulti, con e senza iperattività, e quindi nel trattamento di dislessia, disprassia e discalculia. Le malattie neurodegenerative quali l’Alzheimer, il Parkinson e la demenza senile ne trovano giovamento nel rallentamento del decorso della malattia e nella stabilizzazione dell’umore dei pazienti. Il Neurofeedback Dinamico non Lineare è anche utilizzato nelle ricerche delle peak performaces da sportivi di alto livello di fama internazionale, artisti, creativi, intellettuali. In ambito aziendale sono attestati successi nella gestione dello stress e nel miglioramento delle prestazioni lavorative, con diminuzione dell’assenteismo.

04
Quante sedute sono necessarie per ottenere risultati?

Il protocollo è identico per tutti indipendentemente dalla sintomatologia. Il numero di sedute varia a seconda della problematica, dell’obiettivo e delle caratteristiche individuali.

05
E' indicato per tutti o ci sono controindicazioni?

Il Neurofeedback dinamico non Lineare, contrariamente all’EEG biofeedback che può portare a lievi e passeggeri scompensi e il cui utilizzo è riservato a personale medico specializzato, non presenta nessun tipo di effetto collaterale indesiderato, non è assolutamente invasivo, non impone nulla al sistema nervoso centrale. Non ci sono restrizioni anagrafiche, né legate ad alcun tipo di patologia. Attraverso di esso non si compie nessuna diagnosi, né si fa alcun tipo di prescrizione medica. Delle indicazioni a livello di alcuni parametri di efficienza cerebrale possono essere ricavati dai grafici analizzati dal computer ed interpretati dal personale certificato, ma senza nessun legame diretto ascrivibile alla sintomatologia o patologia in oggetto. Il ruolo dell’operatore è per altro molto importante nell’accompagnamento del processo di cambiamento e quindi egli deve possedere un’abilità relazionale nell’ambito delle professioni di aiuto. Psicologi, psicoterapeuti, counselors, psichiatri e medici ne fanno largo uso.

FORMAZIONE

CORSO BASE E AVANZATO

INFO
NEUROTRAINERS

UNA RETE DI PROFESSIONISTI

SCOPRI